Connect
To Top

Cercare lavoro: come scrivere una lettera di presentazione

Quando si cerca un lavoro è molto importante sapere come muoversi per poter superare al meglio la prima fase di selezione, cioè, la lettura del curriculum vitae. Per far sì che questo venga selezionato è bene accompagnarlo ad una breve lettera di presentazione. Si tratta di uno strumento aggiuntivo al CV. Viene messo a disposizione del candidato, in modo da poter iniziare a capire come orientarsi nella lettura delle esperienze inserite in curriculum.

Le caratteristiche di una lettera di presentazione

Questo documento può presentarsi in diversi modi, ma ciò che conta davvero è la sua efficacia. Prima di tutto va adattata in base all’azienda presso la quale ci si propone. Si procede ad una personalizzazione della grafica e del carattere. La lettera di presentazione non può essere improvvisata oppure inadatta al contesto aziendale. Con questa dovrai dimostrare all’addetto alle selezioni le tue competenze, risultare interessante e, quindi, essere scelto per un colloquio.

Si può dire con estrema certezza che la lettera di presentazione corrisponde ad una vera e propria spiegazione del curriculum. Racconta in maniera discorsiva tutto ciò che è stato fatto precedentemente e qual è il percorso lavorativo effettuato fino a quel momento.

La domanda più importante è: come scrivere una lettera di presentazione? Su internet ci sono diversi modelli adatti per un buon risultato. Ciò che conta, però, è quello che ci scrivi all’interno.

Vediamo, quindi, come non sbagliare con delle semplici linee guida.

La scrittura

Affinché questo documento sia davvero efficace e faccia scattare la curiosità sul tuo profilo, devi selezionare un esempio sul web e personalizzarlo nel modo più sobrio e serio possibile.

Prima di procedere alla scrittura è bene documentarsi sull’azienda che offre lavoro. Scopri su cosa investe, quali sono i suoi valori e soprattutto la sua vision, su quali progetti intende puntare nel prossimo futuro. Tutto ciò è possibile trovarlo sul suo sito internet, ma anche social network.

Quindi visiona il profilo Instagram, la pagina Facebook e soprattutto LinkedIn. A questo punto ti troverai difronte ad uno stile comunicativo ben preciso da riportare in presentazione. Solo in questo modo è possibile creare una prima connessione con lo stile comunicativo e lavorativo dell’azienda.

Esiste una lettera perfetta per ogni posizione?

Assolutamente no. È essenziale saper differenziare la lettera di presentazione, come abbiamo già visto, ogni volta che ci si candida per posizioni differenti e presso diverse aziende. Si tratta di una cautela volta a valorizzare al meglio la tua candidatura ad una certa mansione. Per fare questo non è necessario riscrivere il tutto daccapo, infatti, basterà solo modificare lo stile e l’esperienza da far risaltare. In questo modo potrai avere una lettera di presentazione in linea con l’offerta di lavoro.

A questo punto devi indicare perché l’azienda dovrebbe scegliere il tuo profilo. Indica che tipo di contributo e quale crescita puoi garantire all’azienda grazie alle tue esperienze e studi. Non dilungarti molto sui voti e titoli conseguiti, riporta l’essenziale.

Il consiglio più importante è sempre quello di essere sinceri e chiari, rimandando sempre l’attenzione al curriculum. Per questo motivo evita di enfatizzare molto la lettera o di inventare esperienze lavorative non dimostrabili.

Come una lettera di presentazione cattura l’attenzione

Per far sì che la tua lettera di presentazione non cada nel vuoto, ecco alcuni piccoli consigli per raggiungere con successo le selezioni. In primis sottolinea quali sono i motivi che ti hanno portato a rispondere a tale annuncio, quali sono gli stimoli che ti potrebbe generare questo lavoro. Giocati, quindi, tutte le carte a tua disposizione in questa fase e dimostra quanto vali.

Oltre questo primo punto, cerca anche di mettere in luce tutti i tuoi pregi lavorativi o meglio detti, punti di forza. Parla di stage pregressi, corsi di formazione, eventuali tesi scritte su tematiche che coinvolgono l’azienda. Ovviamente non dimenticare di citare le competenze linguistiche acquisite negli anni, inglese e altre lingue straniere.

Se si tratta di una candidatura spontanea, cerca di catturare l’attenzione dei selezionatori. Sii esaustivo, ma soprattutto conciso, non discostarti mai da ciò che vuoi ottenere. È importante avere anche la capacità di stringare una serie di informazioni. Questa, per i selezionatori, può essere una buona qualità da tenere in considerazione per le selezioni. Quindi, nella lettera di presentazione non superare più di dodici righe.

Le tue skill non devono essere semplicemente elencate ma è bene contestualizzarle, inserendole in esempi concreti.

Infine occhio agli errori ortografici e grammaticali. Prima di stampare la tua presentazione o di spedirla per e-mail, ricontrolla il testo più volte, magari richiedendo l’aiuto di qualcun altro che abbia buone competenze grammaticali.

A questo punto, in bocca al lupo per la tua candidatura.

More in Business