Connect
To Top

Bici Elettrica: fase 2 coronavirus

Fase 2 Coronavirus: come sarà la ripartenza per quanto riguarda i trasporti

Forse dal 4 maggio, dopo mesi di blocco quasi totale e limitazione forte della libertà di circolazione, saremo in grado di entrare nella cosiddetta Fase 2 dell’emergenza Coronavirus ovvero un inizio concreto di ripartenza e di ritorno graduale alla normalità.

E’ comunque chiaro come questa ripresa dovrà essere frutto di un lavoro minuzioso, attento e non affrettato per evitare che tutti gli sforzi fin qui sostenuti siano stati vani. Uno dei principali problemi su cui è bene focalizzare l’attenzione è senza dubbio l’utilizzo del trasporto pubblico, soprattutto per i lavoratori pendolari che fondano la propria quotidianità proprio sul trasporto pubblico e che rappresentano una buona fetta della popolazione italiana.

L’obbligo di mantenere la distanza di sicurezza sarà un cardine imprescindibile della Fase 2 e questo implica una forte riduzione della possibilità di utilizzo del trasporto pubblico: in concreto ad esempio si sta valutando di permettere l’accesso agli autobus urbani solo al 50% dei posti a sedere.

Questa situazione spingerà molte persone ad utilizzare la propria automobile (anche se prima della pandemia non ne facevano uso) perché è considerato il mezzo più sicuro per ridurre al minimo i contatti con altre persone ed elimina il rischio di non riuscire ad utilizzare i mezzi pubblici. E’ chiaro che, la diretta conseguenza dell’aumento di utilizzo di automezzi, aumenterà considerevolmente l’afflusso del traffico stradale rischiando di ridurre in tilt intere città.

Fase 2 Coronavirus: incentivi per l’utilizzo di bici elettriche

Una recente proposta per far fronte all’emergenza traffico è quella di utilizzare le bici elettriche. Le bici elettriche rappresentano comodi mezzi di trasporto che, oltre a ridurre considerevolmente le emissioni dannose per l’aria, evitano i cosiddetti intasamenti stradali in quanto possono viaggiare sulle piste ciclabili o a lato strada senza intralciare la corretta viabilità stradale.

Una bici elettrica è una normale bicicletta con un sistema integrato di pedalata assistita il quale consente di percorrere velocemente e con il minimo sforzo, delle distanze piuttosto elevate. La Fase 2 del Coronavirus mirerà ad introdurre degli interessanti incentivi per l’utilizzo o l’acquisto di questa tipologia di bici elettriche per permettere a chiunque, nel proprio piccolo, di contribuire alla corretta ripartenza e alla rinascita del nostro Paese.

Fonte: https://migliorbicielettrica.it/

More in Innovazione