Servizi per le aziende

Come aprire unimpresa di facchinaggio a Milano


E detta impresa di facchinaggio a Milano, la ditta che svolge quelle attivit, anche con lutilizzo di mezzi meccanici o di attrezzature tecnologiche, come: portabagagli; facchini e pesatori di mercati agro-alimentari; facchini degli scali ferroviari; facchini doganali; facchini generici; accompagnatori di bestiame; facchinaggio svolto nelle aree portuali da cooperative derivanti dalla trasformazione delle compagnie e dei gruppi portuali in base allarticolo 21 della legge 28 gennaio 1994, n. 84 e successive modificazioni ed integrazioni. Le attivit di facchinaggio a Milano sono esclusivamente quelle esercitate per conto terzi. Le imprese di facchinaggio a Milano devono chiedere domanda di inizio attivit allUfficio del Registro delle Imprese nella cui provincia collocata la sede legale o allAlbo delle Imprese Artigiane della provincia ove situata la sede operativa.

I requisiti richiesti per lapertura di unimpresa di facchinaggio a Milano sono: una dimostrata affidabilit attestata da un istituto bancario ed necessario produrre, in originale, lattestazione di un istituto bancario, che non deve avere data anteriore a tre mesi rispetto al momento della sua presentazione; linesistenza di notizie sui protesti, iscritte nel registro informatico di cui alla legge 480/95 a carico del titolare di unimpresa di facchinaggio a Milano individuale, degli amministratori delle societ di capitali e delle societ cooperative; liscrizione allInps e allInail, in presenza dei presupposti di legge, di tutti gli addetti allattivit di facchinaggio, compreso il titolare, i familiari collaboratori ed i soci lavoranti.

Ci sono per anche da soddisfare i requisiti di onorabilit da parte del titolare dellimpresa di facchinaggio a Milano, che sono: salvo che sia intervenuta la riabilitazione, lassenza di sentenza penale definitiva di condanna o la mancanza di pendenza di procedimenti penali nei quali sia stata pronunciata sentenza di condanna per reati non colposi a pena detentiva superiore a tre anni; salvo che sia intervenuta la riabilitazione, lassenza di sentenza penale passata in giudicato di condanna a pena detentiva per ricettazione, riciclaggio, insolvenza fraudolenta, bancarotta fraudolenta, usura, sequestro di persona a scopo di estorsione, rapina; la mancata comminazione di pena accessoria dellinterdizione dallesercizio di una professione o di unarte, oppure dellinterdizione dagli uffici direttivi delle imprese; mancata applicazione di misure di sicurezza o di prevenzione ai sensi della legge 27 dicembre 1956, n. 1423, della legge 31 maggio 1965, n. 575, e della legge 13 settembre 1982, n. 646, e successive modificazioni; lassenza di procedimenti penali in corso per reati di stampo mafioso; lassenza di contravvenzioni non conciliabili in via amministrativa per violazioni di norme in materia di lavoro, di previdenza e di assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali e, in particolare per le societ cooperative, violazioni della Legge 142/01.